Neko, il gatto

La parola giapponese per gatto è Neko, scritta con il kanji 猫.

Sembra che il gatto sia arrivato in Giappone dalla Cina, quasi sicuramente intorno all’anno 538 d.C. insieme al buddismo; sembra infatti che i monaci, per tenere al sicuro i manoscritti buddisti dai topi, avessero sempre almeno un gatto nei templi.


La prima registrazione ufficiale in cui si parla di un gatto è quella riportata sul diario dell’imperatore Uda, che governò il Giappone tra il 887 ed il 897 d.C., in cui si dice che avesse un gatto di colore nero. Invece, il primo nome di gatto, registrato su un documento ufficiale, è stato “Myobu no Otodo”; questo era il gatto dell’imperatore Ichijo (980 – 1011), e si racconta che al suo servizio (del gatto) ci fosse un’intera corte di donne, il cui compito era nutrirlo e prendersene cura.


Ma il buddismo, oltre ad importare i gatti come animali “mangia-topi” e come animali domestici, portò in Giappone anche varie leggende e superstizioni legate a questo animale. Va ricordato, infatti, che quando Buddha morì, tutti gli animali si riunirono intorno a lui e piansero, ad eccezione del serpente velenoso e del gatto… ora, qualcuno dice che il gatto sapesse già dell’immortalità di Buddha, quindi nella sua saggezza piangere non avrebbe avuto senso, altri dicono che il gatto stette in disparte perché aveva un animo malvagio (o semplicemente menefreghista ).


In ogni caso, nel corso dei secoli, in Giappone si sono tramandate molte leggende sui gatti, alcune parlavano delle loro malvagità e della loro capacità di mutare forma, altre delle loro capacità soprannaturali, altre della loro intelligenza e saggezza. (vadoingiappone.it)


Lunedì 28 e mercoledì 30 giugno 2021 orario 18.30 - 20

staremo insieme per praticare il Sumi-e Experience Workshop

sul tema del Gatto.


A questo link puoi iscriverti e ti ricordo che se lo hai già fatto in presenza o in versione online, puoi tornare a frequentarlo gratuitamente ( scopri tutto).


Ti aspetto

Filippo


109 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti