top of page

scrivendo/mi-ti (4 ottobre 23)

Ogni tanto mi capita di trovarmi in una "fase calante", ciclicamente, proprio come il bel pianeta.

In quei momenti, mi sento come trascinato verso il basso; osservo la quotidianità e il passato come se fossero dietro un velo che attenua i colori. Per quanto riguarda il futuro, evito di contemplarlo. Vado letteralmente in crisi a causa della contraddizione tra tutto ciò che riesco a comunicare così bene agli altri riguardo ai temi esistenziali e spirituali, contrapposto alla sensazione di non riuscire a concretizzarli senza costringerli ad astrazioni. E quindi finisco per oppormi a questo stato d'animo, finendo per amplificarlo.

Mi rivolgo con durezza e mi dico che non ho compreso nulla, che mi sfugge qualcosa di fondamentale se continuo a ritrovarmi ciclicamente allo stesso punto, che sto errando nel mio lavoro, che sono un ingenuo e inizio a dubitare di me stesso. E può esserci qualcosa di peggiore? Nel senso, è normale avere incertezze, ma dubitare di se stessi è la peggiore sofferenza che possiamo infliggerci.

Ma se in quel momento sto soffrendo, chi è il mio vero Io? (questa domanda di cui scrive Eckhart Tolle in "Il potere di Adesso" è un salvagente lanciato da una scialuppa angelica) Colui che infligge dolore o colui che avverte sofferenza?

Il secondo, naturalmente.

E allora mi esercito a rimanere nel mio vero Sé. È difficile all'inizio! L'altro Io, la mente con la sua volontà di punire, con tutte quelle paure, rabbia e sfiducia, non si dissolvono rapidamente, e tanto meno volentieri.

Nel mio Io autentico, accetto di accogliere la sofferenza con l'intento di smascherarla. Visto che è stata innescata da quello falso, dalla mente con i suoi pensieri, questa sofferenza deve riconoscersi e riconoscermi, che si basa su finzioni e paure e può quindi dissolversi, svanire. Non ci riesco subito, a volte ci metto molto tempo, e questo processo non si esaurisce in un solo momento. Si ripete spesso, anche settimane, e ogni volta, ogni singola volta, si somma alle altre. E ogni volta, anche se solo gradualmente, riesco a sentire la mia parte più autentica. Sento una profonda quiete e comprendo che ha radici impossibili da calcolare. La sua sorgente è antica ed è la sorgente di tutto. Il suo silenzio è un meraviglioso oblio.

Questo non fa sparire le situazioni o gli eventi che hanno portato la mente a etichettarli come negativi, problemi o ingiustizie, ma indebolisce quella tendenza innata, lasciando spazio alla fiducia in quella sorgente e alla consapevolezza che può percepirla.

È evidente che in questo periodo sto vivendo questo processo. Sono immerso in esso da un po' e non ho idea di quanto possa durare. Ma scrivere di questo mi ha fatto bene e spero che possa fare lo stesso per chi mi leggerà, nel caso in cui si trovi nella medesima sensazione.

Nel passaggio precedente, scrivendo "...e inizio a dubitare di me stesso" mi sono con enorme sorpresa veramente dato un “pizzicotto”. Mi sono fermato nella scrittura.

E poi ho ripreso.

La potenza evocativa di questa affermazione la voglio assorbire completamente per trasformarla nell'abbraccio più compassionevole che possa darmi.


53 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page